PCI Review Forum

Forum Home Forum Home > Induzione Magnetica > Le vostre recensioni
  Topic Attivi Topic Attivi RSS Feed - recensione AEG HK 68042K-MN
  FAQ FAQ  Ricerca nel Forum   Registrati Registrati  Login Login


AVVISO IMPORTANTE

A fronte della mancanza di moderatori e soprattutto per la bassissima collaborazione attiva dei visitatori nel rispondere alle varie domande poste quotidianamente, con forte rammarico siamo a comunicare che il forum di PCI Review, non potrà più garantire una risposta ad ogni quesito che ci viene richiesto, e non una risposta sempre celere, come fino ad oggi avvenuto. Saremo altresì costretti ad essere più fiscali nell’applicazione del regolamento alla base del forum, specificato al seguente link: Clicca Qui per Regole del Forum

Vi preghiamo pertanto di porre domande solo e soltanto dopo aver consultato tutta la documentazione messa a disposizione dai vari produttori di piani ad induzione, e di accertarvi che la vostra domanda non sia già stata trattata all'interno del nostro forum.
L'amministratore e il moderatore al momento presente non hanno più il tempo per occuparsi di rispondere a tutte le domande. Inoltre il compito di un forum è quello di formare una comunità attiva di utenti, non un luogo dove 2 persone rispondono ai quesiti di tutti. Ci rammarichiamo di come, nonostante il grande numero di appassionati di cucina presenti in Italia, la partecipazione degli utenti rimanga molto limitata.

recensione AEG HK 68042K-MN

 Rispondi Rispondi
Autori
Messaggio
lello View Drop Down
Newbie
Newbie


registrato: 03 Set 2014
zona: Sondrio
Stato: Offline
Points: 25
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota lello Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Argomento: recensione AEG HK 68042K-MN
    Postato: 09 Nov 2014 alle 17:57

Recensione piano induzione AEG HK 68042K-MN:

In questa mia recensione parto spiegandovi il motivo per cui io e mia sorella abbiamo scelto di installare un PCI nella cucina dell’appartamento che stavamo ristrutturando nel 2008, ovvero la mancanza di un allacciamento alla rete del metano.

INSTALLAZIONE:

Essendo un appartamento in fase di ristrutturazione completa è stato facile predisporre un’apposita tubazione per i cavi elettrici che parte direttamente dal quadro generale e arriva nel vano sotto al lavandino, da dove poi  il cavo da 3*2.5mm prosegue sotto allo zoccolo della cucina fino alla base che alloggia il piano cottura. All’interno del mobile è stata montata una scatola di derivazione esterna dove il cavo del PCI è giuntato con quello della rete elettrica. Essendo una tratta relativamente corta con un po’ di pazienza sono riuscito a posare il cavo in un unico pezzo dall’interruttore sul quadro fino alla scatola  all’interno del mobile, questo per evitare ulteriori giunzioni.

Nel quadro generale è stato predisposto un apposito differenziale per i “servizi” ed una serie di interruttori magnetotermici sezionano: cucina, caldaia, allarme e piano cottura ad induzione, quest’ultimo con potenza di 16A.

CARATTERISTICHE:

E’ un classico piano cottura da 60 cm, per cui il foro predisposto nel top è di 57.6*51.6 cm. E’  stato incassato semplicemente appoggiandolo senza materiale di sigillatura in quanto sono già predisposte le guarnizioni al di sotto della cornice in acciaio.

Quattro cerchi indicano le zone di cottura: posteriore sinistra da 14.5 cm da 1400W, posteriore destra da 18 cm con potenza di 1800W, anteriore destra sempre da 18 cm e anteriore sinistra da 21 cm con potenza di 2200W. Ogni zona ha comandi separati TOUCH (+e-) con 9 livelli di potenza comode da regolare, in più toccando contemporaneamente +e- si spegne la zona.

La funzione BOOSTER (P sul display) è attivabile solo sulle due zone anteriori, come per tutti i piani solo una zona per volta ed è limitata ad un tempo massimo di circa 8/10 minuti per la zona da 21cm e 4/6 minuti per quella da 18 cm, dopo questo tempo la potenza viene automaticamente ridotta al livello 9.

Questo piano cottura purtroppo è limitato di fabbrica per un assorbimento massimo di 2800W e tale regolazione non è modificabile, quando vengono accese più zone e si supera tale limite, viene indicato sul display dell’ultima zona attivata alternativamente la potenza impostata e quella massima disponibile al momento, appena si abbassa la potenza o si spegne una delle altre zone automaticamente l’ultima zona accesa passa alla potenza selezionata. Questa funzione è molto comoda per chi ha un contratto elettrico tradizionale da 3.3 KW.

Con un minimo di accortezza (es. evitare di accendere troppe luci nell'appartamento) e preriscaldandolo prima di iniziare ad usare la piastra ad induzione, con i classici 3.3 KW è possibile utilizzare il forno e due piastre a media potenza senza causare sovraccarichi.

E’ , inoltre, presente il timer per tutte le zone di cottura (si possono impostare 4 diverse regolazioni) da 1 a 99 minuti, ed il tasto per il blocco comandi (sicurezza bambini).

Le zone di cottura ancora calde vengono segnalate con il simbolo H sul display relativo anche quando viene spento il PCI, questo per evitare incidenti o sfruttare il calore residuo ad esempio per tenere in caldo i cibi preparati.

Confermo che è presente (malgrado non sia indicato nel manuale d’uso) un sensore che disattiva il PCI in caso di traboccamento di liquidi sulla superficie in vetro-ceramica.


PRO:

-       I comandi separati per ogni zona di cottura

-       L’utilizzo senza problemi con il contratto da 3.3KW

-       Una zona di cottura abbastanza grande da 21 cm

-       La facilità di pulizia!!!

 

CONTRO:

-       avrei preferito la modalità BOOSTER su tutte e 4 le zone (ora presente nei nuovi modelli) o meglio nelle zone posteriori al posto di quelle anteriori (serve per far bollire l’acqua della pasta che per abitudine metto sempre nelle zone posteriori per avere sotto gli occhi il tegame con il sugo…)

-       La mancanza della possibilità di modificare il limite della potenza che impedisce di sfruttare al meglio il PCI in caso di aumento della potenza disponibile (anche questo difetto è stato superato nei nuovi modelli)

-       Il tempo in cui viene disattivata la zona di cottura (circa 15-20 sec) se si toglie la pentola è un po’ breve…

-       La cornice in acciaio trattiene un po’ lo sporco..

 

CONSIDERAZIONI FINALI:

Sono molto soddisfatto dell’acquisto fatto a suo tempo, anche se ora la tecnologia ha fatto progressi (infatti per la mia nuova cucina ho scelto un nuovo PCI di Siemens di cui a breve la recensione) ma nel 2008 era l’unico PCI con limitatore di consumo con un prezzo abbordabile (allora costava circa 900 €) altri prodotti avevano costi molto più alti… Inoltre, per chi come me ama cucinare, i canonici 60 cm. Sono un po’ stretti: pentola dell’acqua per la pasta e tegame con il sugo spesso si toccano, anche se lo spazio (non essendoci griglie) è molto più fruibile.

Malgrado da quest’anno l’appartamento sia servito dalla rete del gas e comunque a suo tempo sia stata  installata la tubazione, mia sorella non tornerebbe mai più al gas! Il passaggio dal gas all’induzione è stato semplicissimo ed intuitivo e la regolazione della potenza si adatta molto meglio a tutti i tipi di cottura. I tempi per l’ebollizione sono veramente ridottissimi!

Alcune foto sono presenti nell’apposita sezione.

Spero di essere stato utile e mi rendo disponibile a qualsiasi tipo di chiarimento.

Antonello.

Lello
PCI Siemens EH875FM27E contratto 4.5 Kw
PCI AEG 68042K-MN contratto 3 Kw
Torna in cima
Tyco View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group


registrato: 30 Giu 2014
zona: Germania
Stato: Offline
Points: 3124
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Tyco Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 10 Nov 2014 alle 09:42

Bella cucina! Ho visto le foto. Il piano è una versione ridotta del mio (potenza non limitata e booster per tutte le zone), ma è praticamente identico. Non so quanto l'ho pagato nel 2009 qui in Germania, ma sicuramente molto meno di 900€! Spero intorno ai 600€. Era insieme alla cucina. Oggi lo si compra con 380€ su internet, e come qualità è ancora uno dei migliori, fra quelli senza zone flexi.

Peccato per la limitazione non impostabile, è veramente una scelta commerciale assurda, anche per un modello destinato solo all'Italia. La mancanza del booster non la sentirei però. Io non lo uso mai, per non sovraccaricare inutilmente la bobina e l'elettronica. Rispetto al gas, il livello 9 è già molto più veloce.

Il bordo in metallo impedisce di scheggiare il bordo che sarebbe non protetto, ed accadrebbe molto facilmente.

AEG 68001 K-MN, rete 11KW trifase
Torna in cima
lello View Drop Down
Newbie
Newbie


registrato: 03 Set 2014
zona: Sondrio
Stato: Offline
Points: 25
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota lello Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 10 Nov 2014 alle 15:14

Bella cucina! Ho visto le foto. Il piano è una versione ridotta del mio (potenza non limitata e booster per tutte le zone), ma è praticamente identico. Non so quanto l'ho pagato nel 2009 qui in Germania, ma sicuramente molto meno di 900€! Spero intorno ai 600€. Era insieme alla cucina. Oggi lo si compra con 380€ su internet, e come qualità è ancora uno dei migliori, fra quelli senza zone flexi.

Grazie, è stata progettata nei minimi particolari da me e mia sorella e realizzata, per le parti su misura, da un mio carissimo amico mobiliere... è stata pubblicata anche su un numero di "Creare con Casaviva" nel 2010... come ti dicevo a suo tempo altri prodotti (es. Siemens) costavano almeno 300€ in più... quindi la scelta è stata un po' obbligata, ma comunque sono contento!

Peccato per la limitazione non impostabile, è veramente una scelta commerciale assurda, anche per un modello destinato solo all'Italia. La mancanza del booster non la sentirei però. Io non lo uso mai, per non sovraccaricare inutilmente la bobina e l'elettronica. Rispetto al gas, il livello 9 è già molto più veloce.
 
La limitazione non modificabile è veramente svantaggiosa... ma comunque mia sorella resiste con i suoi 3KW, non so come faccia perché certe volte vado in sovraccarico io a casa mia con 4.5KW...
Io il BOOSTER lo uso quotidianamente per far bollire l'acqua, poi riduco subito... d'altronde l'hanno inventato apposta ;)
 

Il bordo in metallo impedisce di scheggiare il bordo che sarebbe non protetto, ed accadrebbe molto facilmente.

E' vero... ma è un ricettacolo di sporcizia e lo stuzzicadenti ogni tanto è obbligatorio... soprattutto se tracima qualcosa.... Infatti io per casa mia ho scelto un piano senza cornice e per ora sono molto contento! A breve faro la recensione anche di quello... sto facendo un po' di esperimenti....

 

Ciao e buona giornata! Antonello.

Lello
PCI Siemens EH875FM27E contratto 4.5 Kw
PCI AEG 68042K-MN contratto 3 Kw
Torna in cima
Tyco View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group


registrato: 30 Giu 2014
zona: Germania
Stato: Offline
Points: 3124
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Tyco Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 13 Nov 2014 alle 08:12

D'accordo che il booster è fatto apposta, ma per cosa? Come tecnico, ha tutti gli indizi per essere una forzatura tecnica. Quelle cose fatto tanto per poter dire che fa bollire l'acqua in x minuti. Se una bobina che è dimensionata per 1800 W la fai andare a 2500, non è una buona idea. Difatti, mentre il livello 9 può essere usato per 1 ora e mezza o di più, il booster solo per 9 minuti. E' troppa la differenza in meno, rispetto alla potenza in più. Per me come elettronico, è molto significativo. Questo perché indica che quantomeno la bobina (che solo a ricambio costa 150-170€), è sottoposta a stress anomalo. Non ho lo schema elettrico di un piano cottura e non posso dire con certezza se anche l'inverter che comanda la bobina venga sovraccaricato oltre il suo limite nominale. Non so se ogni fuoco abbia un inverter dedicato, o se un inverter comandi i 2 fuochi insieme. Se così non fosse, si accorcerebbe la vita anche dell'inverter, la parte più costosa. Ai produttori poco importa quanto un prodotto viva dopo la garanzia, la riparazione la rendono comunque sconveniente. Quindi non bisogna farsi abbagliare. Non è tutto oro quello che luccica. Per il tempo che fa risparmiare, io lo sconsiglierei.

AEG 68001 K-MN, rete 11KW trifase
Torna in cima
lello View Drop Down
Newbie
Newbie


registrato: 03 Set 2014
zona: Sondrio
Stato: Offline
Points: 25
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota lello Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 13 Nov 2014 alle 20:27
grazie per l'informazione! immaginavo che tu fossi "del campo"!!!!
Sarebbe interessante conoscere lo schema elettrico dei PCI e capirci meglio...
Nella mia ignoranza pensavo che le bobine fossero comunque dimensionate per la potenza booster, e che la limitazione sul tempo fosse solo per questioni di calore sviluppato.... invece scopro che non è così....
Sicuramente terrò in considerazione le tue preziose informazioni e da domai potenza 9 per l'acqua della pasta! Ti dirò se effettivamente il tempo in più influirà sulle mie abitudini....
Apro la domanda a tutto il forum: Chi di voi usa il BOOSTER abitualmente? qualcuno ha avuto problemi?
Grazie a tutti per le informazioni che vorrete condividere e grazie a te Tyco! 
Lello
PCI Siemens EH875FM27E contratto 4.5 Kw
PCI AEG 68042K-MN contratto 3 Kw
Torna in cima
Luca72 View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group
Avatar

registrato: 09 Mag 2013
Stato: Offline
Points: 1324
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Luca72 Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 14 Nov 2014 alle 07:32
Nel mio caso, con il PCI che leggi in firma, utilizzo regolarmente la funzione booster e non ho mai avuto un problema. Ho parlato recentemente con un utente del forum, dotato di PCI Bosch (ma non ricordo quale modello, credo il vecchio PIE645Q14E) che utilizza il booster quotidianamente da oltre 4 anni e non ha mai avuto problemi.

Comunque nei PCI Bosch e credo anche Siemens e Neff non è specificato un tempo massimo per il funzionamento del Booster, come avviene per AEG o altri, Bosch si limita a specificare: "In determinate circostanze, la funzione Powerboost può disattivarsi automaticamente per proteggere i componenti elettrici all'interno della piastra" (presumo per ragioni di surriscaldamento). Comunque a me non è mai accaduto che si disattivasse il booster, anche se devo dire che questa funzione la uso esclusivamente per portare in ebollizione l'acqua in tempi brevissimi, per altri scopi sinceramente non ne vedrei l'utilità.

Questo aspetto sino ad oggi non l'avevo mai considerato, quindi direi che è sicuramente un altro punto a favore dei PCI Bosch, Siemens, Neff.
PCI Bosch PIE675N24E - Contratto 6 kW.
Torna in cima
Tyco View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group


registrato: 30 Giu 2014
zona: Germania
Stato: Offline
Points: 3124
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Tyco Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 14 Nov 2014 alle 08:06

Non dico che il booster debba provocare per forza danni. Ci sono tanti componenti che si possono guastare improvvisamente prima. Dico solo che quanto meno per la bobina, a lungo termine è un sovraccarico. Per l'inverter non saprei, dipende appunto dalla configurazione progettuale. Comunque già il fatto che il booster venga limitato a 9 minuti o che venga scritto che può venire disattivato automaticamente "per proteggere i componenti elettrici", vuol dire proprio quello che ho detto, cioè che in qualche parte vitale si fa passare molta più corrente di quella che ci dovrebbe passare. Si fruttano le tolleranze "a tempo" dei materiali. Come tecnico, sono soluzioni luccichio che non mi piacciono.

Sarebbe meglio dimensionare direttamente per una potenza maggiore i componenti che servono, ma questo alzerebbe il costo di produzione.

Sul lato pratico nel tempo totale (bollire l'acqua + cottura della pasta) 1 o 2 minuti in meno non fanno questa grande differenza. Ma può essere soggettivo.

AEG 68001 K-MN, rete 11KW trifase
Torna in cima
Tyco View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group


registrato: 30 Giu 2014
zona: Germania
Stato: Offline
Points: 3124
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Tyco Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 14 Nov 2014 alle 09:48
Postato originariamente da Luca72 Luca72 Ha scritto:


Questo aspetto sino ad oggi non l'avevo mai considerato, quindi direi che è sicuramente un altro punto a favore dei PCI Bosch, Siemens, Neff.
 

Non è corretto. Se è per quello sarebbe meglio la soluzione AEG, che stacca il booster a priori dopo tot minuti, prima che i componenti raggiungano temperature troppo alte. Le protezioni termiche automatiche entrano in funzione sempre quando la temperatura raggiunta è veramente eccessiva, per evitare che diano fastidio durante l'uso normale o intensivo. Come la protezione per quando si lascia accesa una pentola vuota.

Il funzionamento del booster è uguale in tutti costruttori e punta proprio sul fatto che si usa per pochi minuti. E' il concetto progettuale che non è tecnicamente gradevole.

AEG 68001 K-MN, rete 11KW trifase
Torna in cima
Luca72 View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group
Avatar

registrato: 09 Mag 2013
Stato: Offline
Points: 1324
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Luca72 Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 14 Nov 2014 alle 13:28
Personalmente penso che sia principalmente una questione di dissipazione del calore, con il booster si genera molto più calore, da qui la scelta di limitarlo nel tempo, onde evitare di utilizzare sistemi di ventilazione più grandi o più rumorosi, in alternativa si dovrebbero realizzare bobine con diametro maggiore o dallo spessore maggiore, ma per questioni di spazio e design, specie su PCI da 60 cm ciò non sarebbe praticabile. In fin dei conti, la zona da 14,5 cm ha una potenza di 1400W a livello 9 e con il booster di 1800W e non penso che la realizzazione di una bobina poco più grande o adeguata abbia un costo elevato.
PCI Bosch PIE675N24E - Contratto 6 kW.
Torna in cima
lello View Drop Down
Newbie
Newbie


registrato: 03 Set 2014
zona: Sondrio
Stato: Offline
Points: 25
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota lello Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 14 Nov 2014 alle 22:49
 

 

Non è corretto. Se è per quello sarebbe meglio la soluzione AEG, che stacca il booster a priori dopo tot minuti, prima che i componenti raggiungano temperature troppo alte.

Per quanto mi riguarda la mia esperienza sul PCI AEG non è una protezione che entra in funzione dopo X minuti... probabilmente dipende dalla temperatura raggiunta dall'elettronica del PCI, mi spiego meglio....

a me è capitato di avere un pentolone per l'acqua della pasta sulla zona più grande e la funzione booster si è disattivata dopo 8/10 min circa anche se l'acqua non era ancora ad ebollizione completa, sempre sulla medesima zona se metto una grossa padella con olio per friggere la funzione booster si disattiva molto prima (circa 6/7 min) forse perché l'olio trattiene una maggior quantità di calore che fa intervenire la protezione termica della bobina...
(teniamo conto che l'acqua bolle a 100° l'olio per friggere lo si porta a 160-180°)
La medesima situazione si presenta anche con lo zucchero caramellato che arriva anche lui a 180°.... Quindi ritengo, dalla mia esperienza, che sia tutta una questione di temperatura interna delle zone di cottura....
Non ho ancora avuto modo di verificare come funziona il Siemens, anche perché per il momento ho usato la funzione booster solo per raggiungere velocemente l'ebollizione dell'acqua. 

 

 

Lello
PCI Siemens EH875FM27E contratto 4.5 Kw
PCI AEG 68042K-MN contratto 3 Kw
Torna in cima
Tyco View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group


registrato: 30 Giu 2014
zona: Germania
Stato: Offline
Points: 3124
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Tyco Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 15 Nov 2014 alle 09:44
L‘AEG ha tutte e due le protezioni. Almeno in questi modelli. Quella a tempo, indipendentemente dalla temperatura raggiunta e quella che misura la temperatura raggiunta sotto il vetroceramica. Interviene quella che raggiunge prima il limite.
Ma per la forzatura del booster mi riferisco a un’altra protezione ancora, oltre allo stress per la bobina in sè.
Di solito tutti gli inverter, quindi credo anche i piani cottura, hanno una protezione che misura la temperatura raggiunta dai semiconduttori di potenza, la parte più vitale. Questo tipo di protezione però entra in funzione quando la temperatura raggiunta dai componenti di potenza è veramente alta.
Su alcuni piani, non so di che marca, la protezione per la temperatura raggiunta sotto il vetro scatta quando ormai alcuni danni sono già fatti, ed piano si guasta. Si possono fondere cavi in plastica e altri componenti nelle vicinanze della bobina. Per fortuna non mi è mai successo di farla intervenire, neanche con il fritto e neanche quando ho dimenticato accesa una padella vuota sul 3.5 per molti minuti ed il vetro scottava un casino, ci friggeva sopra l’acqua.
Strano che ti intervenga la protezione con il fritto, non dovrebbe proprio! Credo che oltre 200° siano ammessi sopra il vetro. La ventilazione interna dovrebbe portare via il calore che si accumula sotto. Non è che hai poca circolazione d’aria?
Comunque non usare il booster per scaldare l’olio! Si raggiunge molto velocemente la temperatura critica, oltre la quale l’olio forma sostanza cancerogene. Con l’olio bisogna stare molto attenti, anche col 9! Per andare sicuri è meglio ancora l’8, soprattutto quando c’è poco olio, come per i soffritti.


AEG 68001 K-MN, rete 11KW trifase
Torna in cima
Marco View Drop Down
Senior Member
Senior Member
Avatar

registrato: 26 Ago 2013
Stato: Offline
Points: 482
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Marco Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 15 Nov 2014 alle 10:47
Postato originariamente da lello lello Ha scritto:

 
......a me è capitato di avere un pentolone per l'acqua della pasta sulla zona più grande e la funzione booster si è disattivata dopo 8/10 min circa anche se l'acqua non era ancora ad ebollizione completa......

 

 



CAVOLO!!!!Shocked

Ma quanta acqua avevi nella pentola 100 litri ???


Io se lascio 10 minuti il booster in funzione con una pentola piena di acqua per la pasta, anche di dimensioni generose, me la troverei sparsa per tutta la cucina...

PCI Bosch PIE645F17E - Contratto 3 kW.
Torna in cima
Tyco View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group


registrato: 30 Giu 2014
zona: Germania
Stato: Offline
Points: 3124
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Tyco Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 16 Nov 2014 alle 09:46
Postato originariamente da Marco Marco Ha scritto:

[QUOTE=lello]
 CAVOLO!!!!Shocked

Ma quanta acqua avevi nella pentola 100 litri ???


Io se lascio 10 minuti il booster in funzione con una pentola piena di acqua per la pasta, anche di dimensioni generose, me la troverei sparsa per tutta la cucina...



E'vero, c'è qualcosa di strano, a meno che non sia una pentola da 30 Cm piena di acqua. Non è che la pentola non è di materiale buono per l'induzione e si scalda poco?
AEG 68001 K-MN, rete 11KW trifase
Torna in cima
lello View Drop Down
Newbie
Newbie


registrato: 03 Set 2014
zona: Sondrio
Stato: Offline
Points: 25
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota lello Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 23 Nov 2014 alle 19:27
Postato originariamente da Tyco Tyco Ha scritto:

L‘AEG ha tutte e due le protezioni. Almeno in questi modelli. Quella a tempo, indipendentemente dalla temperatura raggiunta e quella che misura la temperatura raggiunta sotto il vetroceramica. Interviene quella che raggiunge prima il limite.
Per quella che è la mia esperienza confermo che con pentolone dell'acqua la "protezione booster" interviene prima che con olio o zucchero caramellato... almeno sul piano AEG
Parlo della protezione che dopo X minuti passa dalla potenza booster alla potenza 9, la protezione termica del PCI spegne la zona ed esce un codice errore che indica il surriscaldamento...

Strano che ti intervenga la protezione con il fritto, non dovrebbe proprio! Credo che oltre 200° siano ammessi sopra il vetro. La ventilazione interna dovrebbe portare via il calore che si accumula sotto. Non è che hai poca circolazione d’aria?
 
non interviene la protezione contro il surriscaldamento ma la "protezione booster" ovvero passa dalla potenza booster alla potenza 9 prima che con l'acqua...
se guardi le foto ti rendi conto che il PCI è montato sopra ad una base con due cassettoni da 120 cm., inoltre il top è spesso 6 cm. (contro i 3 cm. tradizionali) questo aumenta ancor di più la distanza dal cassettone, in ultimo siccome la penisola è più profonda dei canonici 60 cm. delle cucine questa parte ha un fondo vuoto di ulteriori 10 cm. oltre alla normale profondità della cassettiera quindi la circolazione dell'aria va ben oltre a quanto specificato sul manuale i installazione...

Comunque non usare il booster per scaldare l’olio! Si raggiunge molto velocemente la temperatura critica, oltre la quale l’olio forma sostanza cancerogene. Con l’olio bisogna stare molto attenti, anche col 9! Per andare sicuri è meglio ancora l’8, soprattutto quando c’è poco olio, come per i soffritti.
 
uso il booster solo per scaldare 2 litri di olio velocemente in una casseruola profonda per cuocere gli "sciatt" una specialità della mia zona che va cotta ad alta temperatura in olio "profondo" comunque uso sempre il termometro e la potenza 8 non è sufficiente a mantenere la temperatura costante quando immergi tanti sciatt freddi....
il discorso è ben diverso per i soffritti (potenza 7. o 8) più che sufficiente o per friggere le cotolette... ma li si usa molto , molto meno olio!
Se faccio il caramello uso padella antiaderente con zucchero e poca acqua e scaldo con il booster (il caramello deve raggiungere più velocemente possibile la temperatura) anche in questo caso la potenza passa da booster a 9 prima che con l'acqua.... tutto dipende comunque dalla dimensione della  pentola e dalla quantità di zucchero...
 
ora ti tolgo la curiosità che sicuramente ti è venuta Wink
SCIATT: è una pastella fatta con acqua farina 00 farina di grano saraceno (nera) sale birra e acqua nella quale vengono calati dei cubetti di formaggio di montagna; si raccoglie tutto con un cucchiaio e lo si tuffa nell'olio bollente. Il risultato: una specie di bignè salato che racchiude un cuore di formaggio filante..... poco salutari....ma tanto buoni.....
(questa non è la vera ricetta di casa mia....)
TongueTongueTongueTongueTongue


Lello
PCI Siemens EH875FM27E contratto 4.5 Kw
PCI AEG 68042K-MN contratto 3 Kw
Torna in cima
Tyco View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group


registrato: 30 Giu 2014
zona: Germania
Stato: Offline
Points: 3124
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Tyco Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 24 Nov 2014 alle 09:59

Ma è strano che abbia bisogno di più di 9 minuti per bollire l'acqua. Con il booster in 9 minuti ne fai bollire di litri! Sei sicuro che la pentola abbia un fondo abbastanza ferromagnetico?

Con l'olio non so perché passi al 9 prima che con l'acqua. Forse col booster lo fa quando il piano raggiunge dentro una certa temperatura e se sale ancora, stacca del tutto.

Probabilmente succede solo se i fondi delle pentole non sono abbastanza ferromagnetici e la potenza rimane di più sulla bobina e la fa scaldare troppo. Se puoi, prova con altre pentole.

Anche se sotto il piano c'è spazio, ci deve essere una fessura aperta di 4-5mmm fra il ripiano della cucina e il bordo sei cassetti, in modo che l'aria possa uscire. Sennò l'aria non circola.

L'olio per friggere lo scaldo col 9 e ci mette poco. Ma io ne uso solo 1-2 cm. Con 2 litri puoi usare anche il booster. Sembrano molto buoni gli sciatt, ma quanti ne friggi con 2 litri? E'una quantità enorme! Ci friggi un pollo intero :)

AEG 68001 K-MN, rete 11KW trifase
Torna in cima
Tyco View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group


registrato: 30 Giu 2014
zona: Germania
Stato: Offline
Points: 3124
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Tyco Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 24 Nov 2014 alle 20:06

Guardando meglio il piano AEG HK68042K-MN, potrebbe non essere un caso che il power management non sia impostabile a piacimento sopra i 3KW. Potrebbe essere che il piano sia effettivamente da 3 KW e non un 7KW limitato. Potrebbe indicare che questo modello contenga un solo inverter che gestisce tutti e 4 i fuochi. In teoria comunque il booster potrebbe essere lo stesso disponibile, uno solo per volta, su tutti i fuochi.

Da come si comportano i piani a 4 fuochi da 7KW, sembrerebbe che contengano 2 inverter separati, predisposti per essere alimentati ciascuno da una fase, e che gestiscono ognuno una coppia di fuochi (di destra o sinistra). All'interno di ciascuna coppia si giostra la potenza per il booster. Ognuno dei due inverter ha infatti giusto la potenza max. di circa 3,7KW, in questi caso è ulteriormente limitato a 2,8 KW per lasciare margine negli impianti da 3 KW.

Se questo modello era pensato esclusivamente per l’Italia, potrebbero avere pensato di eliminare un inverter, dato che più di 3 KW non verrebbero mai utilizzati nella maggior parte delle case. Così avrebbero risparmiato metà dell’elettronica che costa. Questo potrebbe essere il motivo perché il prezzo era sensibilmente più basso rispetto ai piani da 7KW che avevi visto, anche se come dicevo, 900€ erano sicuramente molto di più di quello che sarebbe costato qui lo stesso piano, in versione da 7 KW.

Ma questo è solo un sospetto, per saperlo bisognerebbe vedere com’è fatto dentro. Puoi però guardare nel manuale. Se è previsto il collegamento solo ad una fase, probabilmente ha un solo inverter da 3-3,7 KW max che comanda per tutti e 4 i fuochi.

AEG 68001 K-MN, rete 11KW trifase
Torna in cima
 Rispondi Rispondi
  Condividi Topic   

Vai al Forum Permessi Forum View Drop Down

Forum Software by Web Wiz Forums® version 12.03
Copyright ©2001-2019 Web Wiz Ltd.

Questa pagina stata generata in 0,117 secondi.