PCI Review Forum

Forum Home Forum Home > Induzione Magnetica > Guide e FAQ (domande poste frequentemente)
  Topic Attivi Topic Attivi RSS Feed - Faq: Piano induzione portatile. Pro e contro
  FAQ FAQ  Ricerca nel Forum   Registrati Registrati  Login Login


AVVISO IMPORTANTE

A fronte della mancanza di moderatori e soprattutto per la bassissima collaborazione attiva dei visitatori nel rispondere alle varie domande poste quotidianamente, con forte rammarico siamo a comunicare che il forum di PCI Review, non potrà più garantire una risposta ad ogni quesito che ci viene richiesto, e non una risposta sempre celere, come fino ad oggi avvenuto. Saremo altresì costretti ad essere più fiscali nell’applicazione del regolamento alla base del forum, specificato al seguente link: Clicca Qui per Regole del Forum

Vi preghiamo pertanto di porre domande solo e soltanto dopo aver consultato tutta la documentazione messa a disposizione dai vari produttori di piani ad induzione, e di accertarvi che la vostra domanda non sia già stata trattata all'interno del nostro forum.
L'amministratore e il moderatore al momento presente non hanno più il tempo per occuparsi di rispondere a tutte le domande. Inoltre il compito di un forum è quello di formare una comunità attiva di utenti, non un luogo dove 2 persone rispondono ai quesiti di tutti. Ci rammarichiamo di come, nonostante il grande numero di appassionati di cucina presenti in Italia, la partecipazione degli utenti rimanga molto limitata.

Faq: Piano induzione portatile. Pro e contro

 Rispondi Rispondi
Autori
Messaggio
Cristiano Passeri View Drop Down
Admin Group
Admin Group
Avatar
Amministratore

registrato: 31 Dic 2006
Stato: Offline
Points: 3760
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Cristiano Passeri Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Argomento: Faq: Piano induzione portatile. Pro e contro
    Postato: 03 Set 2014 alle 12:26
Domanda: Salve, vorrei acquistare una piastra ad induzione (anche singola) da poter accostare al piano gas gpl.

Ho visto dei prodotti di diverse marche che costano circa 80-100 euro con potenza massima di 2000W.
L'utilizzo principale sarà quello per la cottura della pasta (riduzione tempi)

Che differenza c'è tra piastre con più economiche e quelle più professionali? 

Risposta: Il principale "difetto" della maggior parte dei piani ad induzione portali, è la notevole imprecisione nella cottura delle pietanze, impiegando livelli di potenza inferiori al "livello 6".

Esempio concreto: la cottura della pasta con un piano ad induzione portatile di fascia bassa, avviene in maniera discontinua, ovvero selezionando il livello di potenza "5" o "5.5" l'ebollizione avviene "a singhiozzi".

Testimonianza diretta di un utente del forum:

"con il mio piano portatile l'acqua continua a bollire per qualche secondo, poi si abbassa per qualche frazione di secondo il bollore per poi riprendere attivamente, poi si riabbassa e poi riprende...e così via fino a cottura completa che avviene a seconda della cottura desiderata" 

Con prodotti di questo tipo è estremamente difficile se non impossibile in alcuni casi, effettuare cotture a fuoco basso o bassissimo, come ad esempio preparare una panna cotta o sciogliere del cioccolato.

Pertanto sconsigliamo a chiunque di avvicinarsi al mondo dell'induzione, prendendo come metodo di valutazione tali prodotti, in quanto i piani cottura ad induzione da incasso sono infinitamente più precisi.

Quali sono i pro ed i contro?

Ad oggi, ogni utente del nostro forum in possesso di un piano ad induzione portatile, si è pentito dell'acquisto, pertanto, trascurando la trasportabilità, non vedo pro a favore di questa tipologia di prodotti.

Altri link utili sull'argomento:


Torna in cima
ELIAS View Drop Down
Newbie
Newbie


registrato: 14 Ott 2015
Stato: Offline
Points: 4
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota ELIAS Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 14 Ott 2015 alle 21:26
Salve, vorrei chiedere un consiglio riguardo una piastra ad induzione singola(portatile) che vorrei comprare;  quale può essere la piastra (marchio e modello) con la quale posso avere il minor consumo di watt, tenendola accesa il più a lungo possibile con una temperatura minima costante? perche quelle che ho visto hanno l'informazione sulla potenza massima, e non sulla minima.
Augurandole una buona serata, la ringrazio e mi complimento per l'utile servizio che offre a molte persone aiutandole a risolvere i vari dubbi.
Torna in cima
Luca72 View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group
Avatar

registrato: 09 Mag 2013
Stato: Offline
Points: 1324
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (1) Grazie(1)   Quota Luca72 Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 15 Ott 2015 alle 07:51
Purtroppo credo che l'unica piastra portatile ad induzione precisa quanto un PCI ad incasso la producesse Samsung, ma dato il prezzo di vendita è stata tolta dal commercio.

Il prodotto si chiamava Samsung CTN431SC0W, aveva 15 livelli di potenza, a fronte di un costo d'acquisto di oltre 300€, quindi quasi equivalente ad un PCI da incasso di fascia bassa.

http://www.samsung.com/it/support/model/CTN431SC0W/XET

Come indicato nella FAQ, i PCI portatili soffrono di molti difetti, quindi non credo che qualcuno si azzarderà a fornirti un nome di un prodotto, in quanto mediamente soffrono di questi problemi: scarsissima precisione sotto al livello di cottura 6, problemi di blocco a livello 9 per temperatura troppo elevata, comandi touch spesso poco reattivi, prodotti inclini alle rotture per cotture prolungate (causa problemi di dissipazione del calore), scarso rilevamento dei recipienti inferiori a 15 CM, ecc....

Per farla breve se cerchi precisione, specie per una cottura a fuoco basso o bassissimo, occorre orientarsi necessariamente su un PCI da incasso.

Ad ogni modo in internet ancora si trova quale PCI portatile Samsung (suppongo rimanenze di magazzino invendute), se per te il costo d'acquisto non è un problema, potresti provare questo prodotto.
PCI Bosch PIE675N24E - Contratto 6 kW.
Torna in cima
ELIAS View Drop Down
Newbie
Newbie


registrato: 14 Ott 2015
Stato: Offline
Points: 4
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota ELIAS Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 15 Ott 2015 alle 17:51
Grazie per la risposta, molto utile
Torna in cima
ELIAS View Drop Down
Newbie
Newbie


registrato: 14 Ott 2015
Stato: Offline
Points: 4
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota ELIAS Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 04 Nov 2015 alle 15:04
Buongiorno.
Alla fine ho comprato il fornello a induzione, ma vorrei capire il consumo energetico.
In watt so che va da 200 fino a 2000, e questo lo posso capire quanto vado a spendere in kwh; ma in temperatura che va de 60 a 240 °c quanto consumo energetico sarebbe? se la dovrei tenere accesa a 60 °c durante 180 minuti?
Grazie e scusate il disturbo
Torna in cima
Tyco View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group


registrato: 30 Giu 2014
zona: Germania
Stato: Offline
Points: 3124
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Tyco Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 04 Nov 2015 alle 20:07
Con l'impostazione della temperatura non si può sapere a che potenza sta andando la piastra. L'unico modo è usare un muratore di consumo in Kwh, che misuri il consumo nel tempo anche quando la piastra va a intermittenza, tipo questo:

http://www.brennenstuhl.de/it-IT/prese-multiple-dispositivi-di-commutazione-und-adattatore/misuratore-del-costo-energetico.html

Costa sui 20€
AEG 68001 K-MN, rete 11KW trifase
Torna in cima
ELIAS View Drop Down
Newbie
Newbie


registrato: 14 Ott 2015
Stato: Offline
Points: 4
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota ELIAS Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 05 Nov 2015 alle 07:41
Eccellente!! Grazie mille
Torna in cima
Scheggiaimpazzita View Drop Down
Newbie
Newbie


registrato: 25 Set 2017
zona: Italia
Stato: Offline
Points: 2
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Scheggiaimpazzita Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 25 Set 2017 alle 15:35
Ciao a tutti,

Vorrei riportare questa discussione in alto per chiedere ad utenti e moderatori se ci sono state evoluzioni.
Per i fornelli singoli portatili non ho trovato da nessuna parte un prodotto che alle basse temperature non funzioni tramite sequenza di accensione/spegnimento.
Nessun produttore lo scrive, ma nei commenti/recensioni non è difficile trovare utenti più tecnici che sottolineano questo comportamento.
E' purtroppo questa la verità o sono in commercio dei modelli con funzionamento "lineare"?
Se esistono piani di cottura che non hanno questo problema, mi chiedo poi quale sia la difficoltà di integrare quella stessa elettronica in un dispositivo portatile a singola zona di cottura.

Come ultima cosa, forse un pelo OT, quali sono i migliori piani di cottura con funzionamento lineare? Non sono riportate delle matrici di scoring in cui sia indicata chiaramente questa caratteristica nonostante penso abbia una importanza fondamentale. Vuol dire che tutti i piani da incasso ne sono capaci?

Grazie
Torna in cima
Tyco View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group


registrato: 30 Giu 2014
zona: Germania
Stato: Offline
Points: 3124
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (1) Grazie(1)   Quota Tyco Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 26 Set 2017 alle 15:17
La ragione tecnica per cui le piastre portatili funzionino con forte intermittenza, sta probabilmente nel costo. Il prezzo è infatti intorno ai 60€ e meno. Credo che con i pochi componenti a disposizione, la scheda non sia in grado di generare una gamma di tensioni o frequenze sufficientemente larga, per generare una potenza continua più bassa.
Ma non solo quelle. Ci sono anche piani da incasso ultra economici di marche minori, che sono fatti come le piastre portatili.
C'era una piastra portatile Samsung sui 250€, che per quel prezzo penso che non andasse a intermittenza.

Ci sono piastre più serie, fatte meglio di quelle da 60€, e sono un po' più grosse. Costano sui 200€:

RGV modello IND2

3500W W , 28cm, 60-240°

http://www.rgv.it/~rgwwebu/products/scheda.php?id=33

Bartscher IK 30TCS

3000W 60-240° 10 livelli

https://www.bartscher.com/de/Produkte/Imbiss/Induktionskocher/Induktionskocher-IK-30TC-3kW/p/105932

Almeno la prima non dovrebbe avere forte intermittenza, dato che ne ho sentito parlare bene da un cuoco. Sono certo molto meglio di quelle da 60€, ma come i piani a incasso per uso domestico, non sono fatte per un uso intensivo professionale, come in una cucina di ristorante. Se ne prendi una, facci sapere come ti trovi.
AEG 68001 K-MN, rete 11KW trifase
Torna in cima
Scheggiaimpazzita View Drop Down
Newbie
Newbie


registrato: 25 Set 2017
zona: Italia
Stato: Offline
Points: 2
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (0) Grazie(0)   Quota Scheggiaimpazzita Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 27 Set 2017 alle 12:39
Ciao e grazie per le indicazioni dei piani cottura, devo capire se i due modelli indicati sono acquistabili da qualche parte online su territorio Italiano, comunque sembrano molto solidi.
Avevo letto in questo post ed altri del Samsung e l'ho cercato ma per quanto sia ancora presente nei cataloghi online di una serie di siti, nessuno lo ha disponibile ed in effetti per un prodotto che era già poco disponibile  nel 2015 è normale.
Devo farne un uso amatoriale, sicuramente quando ci sono potenze molto alte impegnate per molto tempo come negli ambienti professionali il controllo della temperatura dei componenti è un elemento fondamentale che con le cucine a gas che sono prive di elettronica invece non esiste.
Mi pare che anche le piastre da 60 euro siano dotate di ventola di raffreddamento ma evidentemente non basta.
Immaginavo che i fornelli singoli più economici usassero delle elettroniche più semplici per abbassare i costi, ma non avevo percepito dai commenti che ci fossero dei piani cottura con elettroniche ugualmente economiche. Visto che alcuni piani costano come la somma di 4 fornelli non mi spiegavo perché solo nei fornelli singoli ci fossero elettroniche scarse.
Ci sono in giro piastre singole anche da 120 e più euro ma tutte funzionano ad intermittenza sotto i 1000W circa, e mi sembra strano che giganti della vendita tipo Amazon non abbiano in catalogo almeno un tipo migliore visto che vendono anche macchine professionali per vari ambiti e con costi esorbitanti.
Ritengo piuttosto importante una elettronica modulata in potenza e non nel tempo soprattutto perché essendo l'induzione già poco adatta alle cotture ad alta temperatura, si restringe troppo l'usabilità se si toglie anche un buon funzionamento a basse temperature/intensità.
Probabilmente usando pentolame con grande inerzia termica si riesce a bilanciare un po lo svantaggio ma è comunque poco pratico.
Proverò ad investigare su quei due modelli che mi hai fornito, grazie ancora.

Edit: L'RGV è disponibile su Axxxxx ma non risultava nelle mie ricerche poiché devo aver sempre usato la parola fornello. Utilizzando invece il termine "piastra" si trovano diversi oggetti di costi notevoli.


Modificato da Tyco - 27 Set 2017 alle 15:05
Torna in cima
Tyco View Drop Down
Moderator Group
Moderator Group


registrato: 30 Giu 2014
zona: Germania
Stato: Offline
Points: 3124
Opzioni Post Opzioni Post   Grazie (1) Grazie(1)   Quota Tyco Quota  RispondiRispondi Link diretto a questo post Postato: 27 Set 2017 alle 15:06
Anche se fosse specificato nei dati tecnici, non sarebbe un parametro facile da giudicare per l'utente medio, perché anche i piani da incasso di marca vanno a intermittenza ai livelli di cottura medio/bassi, ma usano una potenza più bassa di quella delle piastre portatili, che non dà fastidio alla cottura. Si vede appena nell'ebollizione dell'acqua.

Nelle piastre portatili la bobina è alimentata da un solo transistor che genera tutta la potenza, mentre nei piani da incasso seri ci sono 2 transistor per bobina, che quindi sono sottoposti ciascuno a metà del lavoro. Nelle piastre portatili il transistor avrebbe bisogno di un raffreddamento maggiore che nei piani a incasso, a parità di potenza, mentre in realtà ne ha di meno. Per questo le piastre portatili durano di meno e sarebbero da intendere per un uso occasionale.

La piastra della RGV dovresti trovarla in Italia. La marca è italiana. Ho dato un'occhiata ad altri modelli simili, anche più costosi, da 250€, e dai commenti si capisce che anche quelle hanno una forte intermittenza. A quei prezzi gliele tirerei in testa. Inoltre si lamentano grandi imprecisioni sul controllo della temperatura, con sbalzi di 30-40°.
Sulla RGV posso solo dire che il cuoco di cui avevo letto si trova molto bene con la regolazione della temperatura, anche a 60°, e non aveva parlato di fastidi di intermittenza.
AEG 68001 K-MN, rete 11KW trifase
Torna in cima
 Rispondi Rispondi
  Condividi Topic   

Vai al Forum Permessi Forum View Drop Down

Forum Software by Web Wiz Forums® version 12.03
Copyright ©2001-2019 Web Wiz Ltd.

Questa pagina stata generata in 0,094 secondi.